Journées du Patrimoine, l’altra faccia di Parigi

JEP_RVB_MOYENA Parigi avete mai la chance di visitare il Ministero della Cultura o la residenza del Prefetto, di mettere il naso nella sede della Corte Costituzionale o di curiosare nelle sale più nascoste dei mitici ed eleganti magazzini Printemps? Beh, c’è un’occasione imperdibile ed è per il weekend 19-20 settembre, quando in Francia si animeranno come ogni anno le Journées du Patrimoine, iniziativa creata proprio dai nostri cucini d’Oltralpe nel lontano 1984 e che oggi viene copiata da decine di altri Paesi europei. Apriranno al pubblico edifici, luoghi e siti raramente accessibili o comunque poco conosciuti. Con un elemento non di poco conto: le visite sono in genere guidate e gratuite. Dove? In tutta la Francia. Ma noi vi portiamo stavolta alla scoperta di una Parigi davvero insolita, tenendo conto che il tema prescelto per questa edizione è l’architettura contemporanea.

Nel fitto programma della capitale francese c’è per la prima volta la Fondation Seydoux-Pathé, inaugurata nel 2014 al 73 di Avenue des Gobelins nel 13° Arrondissement e pensata da Renzo Piano, ottima occasione per curiosare in un centro di ricerca abitualmente non aperto al pubblico e per apprezzare il gioco di vetri voluti dall’architetto italiano. Chi ha buone gambe apprezzerà la passeggiata culturale in programma domenica dalle 9,30 alle 17 (18 km. in totale) dal Jardin d’acclimation della Villette alla scoperta di due edifici simbolici dell’architettura contemporanea, la Fondation Louis Vuitton e la Philarmonie de Paris, rispettivamente nel XVI e XIX Arrondissement (www.randonneursdeparis.blogspot.com).

Questo slideshow richiede JavaScript.

A ridosso della stazione d’Austerlitz (34 quai d’Austerlitz, XIII Arrondissement), sabato e domenica si potrà visitare la Cité de la Mode e du Design aperta nel 2012 su progetto dello studio Jakob&Macfarlaine, ma anche apprezzare il fascino industriale del Cube Orange e del Cube Vert. Non saranno più tabù perfino il Palais-Royal che oggi ospita il Ministero della Cultura e della Comunicazione, la Corte Costituzionale, il Consiglio di Stato e la Comédie-Française (sab. e dom. al 3 di Rue de Valois, I Arrondissement) e l’Hôtel de Noirmoutier al 138 di rue de Grenelle (VII Arrondissement) che è la residenza del prefetto di Parigi.

Infine, la perla assoluta di un programma che – come vedete – non cita la Torre Eiffel, la cattedrale di Notre-Dame e nemmeno l’Arco della Pace: sabato e domenica al 64 di boulevard Haussmann (IX Arrondissement) i mitici magazzini Printemps organizzano visite guidate assolutamente inedite per scoprire le varie fasi di costruzione di uno dei più blasonati centri commerciali parigini: dai lavori del 1865 a quelli più contemporanei firmati dagli architetti nordamericani nel 2009 e giapponesi nel 2012 e che hanno interessato lo scenografico atrio di Printemps e le sue monumentali scalinate. Che finale!

Info sull’intero programma a Parigi e in Francia: www.journeesdupatrimoine.fr

Pin It

Rispondi