Bugarach, la fine del mondo e Nino Ferrer

14757240-fine-del-mondo-21-12-2012Languedoc RoussillonUn blues di Nino Ferrer in omaggio a tutti coloro che, in attesa che si scateni il fine mondo prevvisto per il 21 DICEMBRE 2012, continuano a vivere la LORO vita… invece di stare al ricatto della paura! by martine buysschaert

Bene hanno fatto tutti coloro che non hanno raggiunto BUGARACH*, il paesino francese non lontano dalla frontiera spagnola dove si farnetica di un’astronave che porterà via gli eletti destinati a scampare all’apocalisse fantasmata da un calendario maya. Non perché sia di per sé un posto brutto, ma ora vi si vedono solo una popolazione stremata dagli effetti di una bolla mediatica (fatta eccezione per qualche commerciante), qualche fanatico di esoterismo e una massa di giornalisti in attesa del giorno X. Peraltro il borgo è attualmente presidiato da numerosi gendarmi che impediscono l’accesso alla mitica roccia che lo sovrasta!

Bene hanno fatto perché è sempre la stessa storia: la paura sottomette, ti piega. L’altra sera ho letto sul dorso della maglietta di un ballerino di tango la frase di Paolo Borsellino: “chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola”. Al di là dei riferimenti alla questione mafiosa, il conformarsi per paura è decisamente funzionale a qualcuno. E l’annuncio della “fine del mondo” torna chi sa perché con una certa regolarità. Lo aveva cantato anche Nino Ferrer con il suo BLUES EN FIN DU MONDE, che i suoi amici hanno messo in rete pochi giorni fa per ricordarlo: se ti va, ascoltalo (sotto il testo tradotto).

BLUES DURANTE LA FINE DEL MONDO
Durante la fine del mondo/si raccomanda/di seguire alla lettera le istruzioni/della società incaricata delle modalità.
Durante la fine del mondo/si sconsiglia/di porgersi dalla finestra aperta/sulla via ferrata della realtà.
La famiglia è defunta/l’onore è malandato/il lavoro è sempre più raro/e le patrie sono in pericolo.
E quando l’onda è così grande/e tu sei così piccola/bisogna nuotare come un pesce/ubbidire come pecore.

Pin It

Rispondi