In barca con i pescatori del Mediterraneo di Francia

Pescaturismo nel Var

Costa Azzurra e Provenza

L’esperienza è di quelle che non si dimenticano: una vera battuta di pesca lungo la costa Azzurra e la Provenza, a bordo di un peschereccio tradizionale insieme all’armatore-pescatore.  by martine buysschaert

L’imbarco è previsto un’ora prima dell’alba e la puntualità è essenziale. Si può essere al massimo in due: una coppia o un genitore con un figlio (di almeno 12 anni). Ad attendervi c’è il pescatore e il suo pointu, tipica imbarcazione a fondo piatto lunga meno di 12 metri, usata per la pesca costiera. Sei pronto? Ce l’hai un cappello e una crema solare per proteggerti dal sole? Ti sei vestito adeguatamente per reggere le temperature fresche delle prime ore del mattino, l’umidità e il contatto con i pesci? Hai pensato a indossare scarpe antiscivolo? Ti sei ricordato di portare con té poche cose, magari solo la macchina fotografica o una piccola cinepresa. Se pensi di essere naupatico, comprati in farmacia l’apposito braccialetto anti mal di mare, anche perché una volta levata l’ancora non si può tornare indietro! Infine: lo sai che a bordo comanda un uomo solo – l’armatore-pescatore – e conviene essere attenti alle sue istruzioni, specie quando si gettano e si tirano le reti.

Pronti, via: si salpa e inizia l’avventura. Siete sì dei “turisti” ma partecipate davvero a un momento di vita reale! È una bella occasione per scoprire “dal vivo” cosa sono e come si utilizzano le attrezzature per la pesca artigianale: reti da posta o giacchi, palangari, nasse e bertovelli… Il pescato varia ovviamente in base alla stagione e ai fondali ma ricorrono orate e naselli, scorfani e rane pescatrici, triglie e rombi e perfino gronghi e aragoste. I gesti del capobarca sono antichi e puntuali, i  suoi commenti “vissuti”. L’atmosfera a bordo è autentica. Tecniche e attrezzi, tutto è frutto di una lunga esperienza, di un duro lavoro quotidiano e di un profondo rispetto per il mare. I pescatori mediterranei di Francia (circa 200 solo nel Var) sono associati dal XV secolo in Prud’homies, organizzazioni che oltre a gestire i conflitti tra professionisti del mestiere, regolamentano il settore.

We cannot display this gallery

I porti coinvolti sono da est a ovest, 3 a Saint-Raphaël e 4 nella zona di Tolone. L’esperienza – la battuta dura dalle 3 alle 5h30 in base al pesca – ha peraltro un costo del tutto raggionevole – 60 euro a testa – con un ottimo rapporto qualità-prezzo e contribuisce a una politica di turismo responsabile. Mi piace.

Info pratiche
Per le prenotazioni, stampati il depliant seguente, scegli il porto, la barca e il pescatore e “tuffati”, che ne vale la pena.



Pin It

Rispondi