Normandia: il Mont-Saint-Michel visto dal cielo

Il monte visto da ULM

Normandia

Sorvolare il Mont-Saint-Michel e la sua baia a bordo di un ultraleggero: sembra un sogno, invece è possibile e costa pure poco, grazie a una formula forfait che include soggiorno, volo ed emozioni. by martine buysschaert

Quando era ragazzo mio marito (qualche decennio fa) ed era in vacanza in quest’angolo di Francia, pur di poter sorvolare il Mont-Saint-Michel a bordo di un piccolo aereo turistico, per giorni e giorni aveva mangiato pane e pomodori in campeggio, risparmiando così la cifra necessaria a realizzare il suo sogno “alato”!

Oggi, con un forfait di solo 176 euro a persona, non solo sorvoli la baia in ultraleggero per 20 minuti, guidati da un pilota professionista, ma incluso nella stessa cifra ci sono anche 2 notti in una graziosa chambre d’hôtes, 2 prime colazioni e 1 cena completa di aperitivo (kir), vino e caffè!

We cannot display this gallery

La maison d’hôtes Le Jardin Secret merita davvero: una solida ed elegante dimora ottocentesca immersa in uno splendido giardino, appunto “segreto”: clicca qui per vederlo a 360 gradi! Poi, non per dire, ma la padrona di casa si chiama Martine (sic!), come dire “un nome, una garanzia”! A parte gli scherzi, il luogo è delizioso – Martine è appassionata di decorazione d’interni – e si trova in una posizione tranquilla e insieme strategica per scoprire tutta la zona e anche parte della Bretagna. Inoltre, la tavola è ottima, tutta di prodotti di stagione, e l’accoglienza molto calorosa. Cosa vuoi di più?

Per prenotare rivolgiti a MANCHE TOURISME (come dire “Turismo nella Manica”) → tel. 00 33 (0)2 33 05 90 00 – manchescapades©cg50.fr ← e, mi raccomando, porta loro i saluti di vogliadifrancia.it!

Tra l’altro dalla fine di aprile 2012 non ci saranno più automobili parcheggiate sotto il Mont-Saint-Michel: è in corso tutta una operazione di rinaturalizzazione del sito che culminerà nel 2013 con la rimozione della strada che ora la collega alla terraferma ma impedisce il flusso delle acque e la costruzione di un ponte pedonale (ma questa è un’altra storia che presto vi racconterò).

Pin It

Rispondi