È l’ora del Beaujolais Nouveau: bon “déblocage”, anche all’Italia!

Allo scoccare delle ore 00:00:00 di giovedì 17 novembre inizierà la cerimonia del déblocage del Beaujolais Nouveau del 2011. A cosa vogliamo brindare?  by Martine Buysschaert

A un paio di settimane dall’irruzione sul mercato del Novello nostrano, come di consueto il terzo giovedì di novembre, il celebre cugino d’Oltralpe “scende in campo”. Sbirciando qua e là nella rete ho visto che Brugherio e Arcore (sic!), entrambe località lombarde, lo festeggiano senza indugi. Se vuoi scoprire cosa bolle in “botte” nel tuo angolo d’Italia, rivolgiti alla tua enoteca di fiducia o leggi la stampa locale. Comunque vada, la parola d’ordine è déblocage.

Mi vedo già domani rifiutare qualche invito a casa di amici: “non, perdonami, non posso venire, perché ho il déblocage del Beaujolais Nouveau”. Di certo, loro penseranno che da quando è uscito su alcuni quotidiani nazionali un piccolo articolo sul blog vogliadifrancia.it, mi sia montata la testa e mi voglia dare delle arie! In realtà, studiando attentamente i significati della parola déblocage credo proprio che faccia il caso nostro!

Ecco le definizioni (tradotte) che ne dà il (CNRTL), “centro nazionale di risorse testuali e lessicali”:
1. (gen.) risultato dell’azione di liberare o allentare ciò che era bloccato o immobilizzato (esempio: sbloccare il freno)
2. (gen.) soppressione degli ostacoli che impediscono una evoluzione, un progresso (esempio: lo sblocco di una situazione politica)
3. (econ.) rimozione totale o parziale di misure in materia di commerci, di scambi monetari, di prezzi, di salari e rimessa in circolazione di un prodotto (esempio: il varo di nuove misure economiche)
4. (psicol.) soppressione delle inibizioni affettive che si oppongono all’esteriorizzazione di un delirio o di conflitti incoscienti (esempio: no comment!)

Non fa una piega: il punto 3 è quello che più si addisce al Beaujolais Nouveau, perché di questo si tratta, il déblocage mette ufficialmente in circolazione le bottiglie del novello d’annata. E gli altri? L’1, il 2 e il 4? Non ti sembrano tagliati su misura per lo stato in cui versa la nostra amata e sofferente Italia? Propongo quindi un brindisi double-face, metà italo-fransè, metà verdiano…

E viva il déblocage!

Libiam libiamo, ne’ lieti calici

PS. Per un déblocage soave e dolce, ti abbiamo preparato per domani una bella ricetta al Beaujolais Nouveau! Non mancarla…

Pin It

One thought on “È l’ora del Beaujolais Nouveau: bon “déblocage”, anche all’Italia!

  1. Pingback: Parigi: piccolo tour del Beaujolais Nouveau | vogliadiFrancia ♥ la Francia che piace agli italiani

Rispondi