Hauterives, Drôme: un palazzo naïf e surreale, sogno di un postino rurale

© Palais Idéal Facteur Cheval

Rodano-Alpi

Ti è mai capitato di “entrare” nel sogno di un altro? A me è successo questo agosto visitando il Palais Idéal du Facteur Cheval in Drôme, poco più a nord della Provenza.

A Hauterives per la precisione, a metà strada tra Lione e Valence, nel Palais Idéal costruito da Ferdinand Cheval – alias Facteur Cheval –. Un palazzo che palazzo non è, perché non ha neppure una stanza abitabile!

È un edificio-labirinto di circa 600 metri cubi di pietre che forma a terra un rettangolo irregolare di metri 23 su 12, alto fino a 11 (come un condominio di 3 piani), senza neppure una parete liscia. È un groviglio articolatissimo di colonne, pinnacoli, scale, grotte, nicchie, sculture animali e umane, un tripudio di pietre e conchiglie marine tenute assieme dal cemento.

A metà strada tra il delirio barocco di Dalí e la stravaganza ornamentale di Gaudí, l’opera di Facteur Cheval è un capolavoro di architettura naïf, apprezzatissimo da André Breton, Picasso, Max Ernst, classificato “monumento storico” nel 1969 per volere di André Malraux, allora ministro della cultura.

Ci sono voluti 33 anni per fare diventare realtà il palazzo immaginato da questo postino rurale, nato nel 1836, che per consegnare le missive ai destinatari percorreva ogni giorno una trentina di chilometri a piedi. “Cosa altro puoi fare quando cammini perennemente nello stesso scenario, se non sognare? Per distrarmi, costruivo nella mia testa un palazzo fiabesco” ha lasciato scritto Facteur Cheval.

E così un giorno, nell’aprile del 1879, inciampa in una strana pietra che decide di portarsi a casa per meglio osservarla. È un colpo di fulmine: il giorno dopo, ripassando nello stesso punto, ne trova altre, ancora più belle. La decisione è presa: “visto che la natura ha fatto opera di scultore, io mi farò architetto e muratore” dichiara.

Inizia il cantiere che darà forma al sogno del postino: ogni giorno, ossessivamente, egli raccoglie pietre che trasporta una a una, prima sulle spalle, poi con una carriola, fino al terreno prescelto. Inizia con una fontana e una cascata, poi procede con una tomba e un tempio egizi, una serie di grotte, un tempio indù e tante altre fantasie. Fra i personaggi scolpiti ci sono tre giganti – Vercingetorige, Archimede e Cesare –, i quattro evangelisti, mummie, angeli, pellegrini e numerosi animali: orso, serpente, boa, coccodrillo, elefante… Per non dire della flora – un fico d’India, un aloe, palme, cactus e ulivi – e un gran numero di iscrizioni.

C’è infine una postazione belvedere a fronte dell’edificio per contemplare nel suo insieme questo “sogno di pietre”. Quando nel 1912 ultima la costruzione del palazzo, decide di intraprendere quella della sua sepoltura che intitola “La tomba del silenzio e del riposo infinito”. In poche parole, una bella meta per un pomeriggio “diverso”, ad ammirare il sogno di un visionnario e rendere omaggio a colui che dichiarò: “Figlio di contadino, voglio vivere e morire dimostrando che anche nella mia categoria ci sono uomini di genio e di grande energia”.

© B.Houchmandzadeh

La vita del paesino di Hauterives – o Altarippa come veniva chiamato nel XIII secolo –, immerso in una dolce campagna di colline, gira intorno al Palais Cheval: abbondano quindi negozietti di souvenirs, locali da ristoro e parcheggi! Accedervi è semplice: le uscite autostradali più vicine sono da sud Tain-l’Hermitage e Chanas per l’A7 e Saint-Marcellin per l’A49 se provenite da Grenoble. Si trova anche lungo la D538, il cosiddetto itinéraire-bis – ottima alternativa nei giorni di grande traffico – che collega il sud a Lione. Tra l’altro, sappiate che se volete abbinarlo a una sosta gastronomica, la vicina Valence (50 chilometri), ha il suo raffinato ristorante –affiancato da un più accessibile bistrotAnne-Sophie Pic, l’unica chef donna di Francia a poter vantare le 3 stelle Michelin!

Info pratiche
Palais Idéal Facteur Cheval
26390 Hautesrives
tel. +33(0).475.68.81.19
www.facteurcheval.com
facteur-cheval@facteur-cheval.com
aperto 9.30-12.30 e 13.30-17.30 (chiusure anticipate d’inverno, posticipate d’estate, vedi il sito)
chiuso Natale, Capodanno e 15-31 gennaio
tariffe: adulto 5,60 € – bambini 6-16 anni 4 €

Pin It

Rispondi